Chirurgia Ortognatica

La chirugia ortognatica rappresenta quella branca della chirurgia maxillo-facciale che si occupa del trattamento dei dimorfismi dento-scheletrici (anomalie di posizione dei mascellari associate a malocclusione dentarie).
Ha lo scopo di riposizionare le arcate dentarie correggendo la malocclusione, armonizzare l’estetica del volto e in alcuni casi risolvere problemi disfunzionali.
Inoltre in alcune condizioni cliniche può migliorare la respirazione e la masticazione.
Per ottenere un buon risultato chirurgico è necessaria una stretta collaborazione tra ortodontista e chirurgo maxillo-facciale, spesso infatti è necessario un trattamento ortodontico pre-chirurgico e post-chirurgico.
La maggior parte di questi interventi viene eseguita senza incisioni cutanee, ma esclusivamente con accessi intraorali. Raramente può esserci la necessità di un blocco intermascellare rigido temporaneo.
Dopo l’intervento chirurgico si ha gonfiore del volto che comincia a ridursi dopo circa tre giorni. L’alimentazione nel periodo post- operatorio sarà con una dieta liquida-frullata per i primi 10 giorni e successivamente morbida per circa un mese.
La prima fase di guarigione dura circa 5 settimane, mentre il risultato definitivo sarà valutabile dopo 8-10 mesi.

Link utili: http://www.sicmf.org/area-pazienti/chirurgia-ortognatica.html